Fasi di una proiezione

Squilibrio (Kuzushi)

Kuzushi significa “rompere” o “deformare la posizione”. Poiché si possa manovrare con un minimo di forza l’avversario e farlo oggetto di una proiezione (ma anche di una lussazione e uno strangolamento) è necessario rompere la sua posizione naturale. Un individuo privo di equilibrio non può resistere ed attaccare.

Esistono otto direzioni principali in cui rompere la posizione di equilibrio e corrispondono agli otto punti cardinali e ordinali di un’ipotetica “rosa dei venti” del kuzushi. Per applicare efficacemente una proiezione su un avversario, questi dovrà essere perfettamente squilibrato nella direzione giusta. Ogni tecnica necessita del suo squilibrio specifico.

(NB Nel linguaggio tecnico del Judo il kuzushi è sempre riferito ad Uke, quindi uno squilibrio indietro a destra vorrà dire che Uke sarà sbilanciato all’indietro e alla sua destra).

Kuzushi

Le otto direzioni principali del kuzushi (squilibrio)

Adattamento (Tsukuri)

Per tsukuri si intende l’adattamento che viene effettuato da Tori (generalmente) dopo avere spezzato l’equilibrio di Uke (kuzushi). Lo tsukuri permette a Tori di disporsi nella posizione migliore per applicare efficacemente la tecnica di proiezione.  Ogni tecnica ha i suoi tsukuri più indicati.

Proiezione (Kake)

Kake è l’atto stesso di proiettare l’avversario ed è dunque l’applicazione della tecnica che conclude l’azione cominciata con il kuzushi e proseguita con lo tsukuri.

[Il grande campione britannico Neil Adams illustra i vari tipi di squilibrio (Kuzushi)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu