Ultimi Articoli

Taiho Jutsu (tecniche di arresto)

Video storico in cui il Maestro Kusuo Hosokawa mostra le tecniche di Taiho Jutsu, l’arte marziale d’arresto adottata originariamente dalle forze di polizia giapponesi. Le tecniche si basano sulle scuole di arti marziali tradizionali giapponesi (Judo Karate, Aikido), e furono…
Leggi il seguito

Il “KI” questo sconosciuto

di P. Crugnola Penso che, chiunque abbia avuto a che fare con l’oriente e le cosiddette arti marziali, abbia sentito parlare almeno una volta del “ki”. Parola sintetica e, nel contempo, misteriosa, ha rovinato i sonni di parecchie persone, tutte tentate…
Leggi il seguito

Le origini e lo sviluppo del Randori

A cura di Yoshiaki Todo (Tsukuba University) Traduzione a cura di P. Crugnola Da dove proviene il randori? E‘ comunemente noto che fu Jigoro Kano a svilupparlo, ma é veramente così? Questi, i risultati di una ricerca condotta sia sulle…
Leggi il seguito

Mae Geri

[Attacco di Mae Geri e difesa – Tecnica tratta dal Kodokan Goshin Jutsu] Mae Geri è il calcio frontale. Tecnica presente nel Kime no Kata e nel Kodokan Goshin Jutsu è molto usata nel karate ed ha come obiettivo i…
Leggi il seguito

Yoko Hiza Ate

Yoko Hiza Ate é una tecnica molto usata nella Kick Boxing e nella Muay Thai. L’obiettivo é uno dei due ipocondri, i reni, il mento, che vengono colpiti con la parte superiore del ginocchio.

Mae hiza ate

Mae hiza ate è un attacco con il ginocchio, che viene spinto in avanti tramite il bacino. Questa tecnica è presente nel Kodokan Goshin Jutsu. Impiegata spesso nel Karate, ha come obiettivo la zona del pube, la bocca dello stomaco…
Leggi il seguito

Yoko Hiji Ate

Yoko Hiji Ate, é una tecnica di percussione portata con il gomito. Gli atemi di gomito sono sempre molto potenti e con effetti particolarmente devastanti. Il gomito, trovandosi molto vicino alla parte “grossa” del corpo, sfrutta la massa di quest’ultimo…
Leggi il seguito

Naname Uchi

[Attacco di Naname Uchi con relativa difesa – Tecnica tratta dal Ju no kata] Naname Uchi é una tecnica del Ju no Kata. L’obiettivo é la base della mascella, Dokko, che viene colpita con il taglio della mano.

Uraken Uchi

L’obiettivo é la tempia (hasumi) che viene colpita con la parte superiore del pugno (uraken) corrispondente ale nocche delle dita.

Menu

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi